,

Lego Serious Play arriva a La Strada di Oz

Lego Serious Play
La mia esperienza Lego Serious Play

Mi è sempre piaciuto cercare nuovi modi di imparare per arricchire la mia vita e, di riflesso, quella degli altri.
Ho da poco ultimato il percorso per diventare Facilitatore Lego Serious Play e posso affermare di avere trovato un metodo innovativo, efficace e, soprattutto, piacevole.
La base del metodo sono proprio quei mattoncini colorati con cui abbiamo giocato un po’ tutti, da piccoli.
L’evoluzione è avvenuta negli anni ’90 quando si è scoperto che i Lego potevano essere usati in una strategia per risolvere conflitti e problemi sommersi.
Secondo i principi dei pedagogisti Piaget e Papert (ma ne aveva parlato ancor prima la “nostra” Montessori) è possibile concretizzare il pensiero tramite la creazione, tant’è che si dice “pensare con le mani”.
Infatti la costruzione di un modello ci permette quasi di osservare un pensiero in 3D, liberando energie creative che portano a livelli di conoscenza più profondi.
Quando mi sono ritrovata davanti a tutti quei mattoncini e mi hanno chiesto di costruire una storia personale, ho pensato: “Non so come fare!”

Con Lego Serious Play impari a pensare con le tue mani

Ma devi fidarti delle mani. Tu cominci, ti lasci guidare e resti stupito dal risultato: è come un quadro astratto ma per te è molto chiaro, ogni pezzo ha un significato. E mentre lo spieghi ai compagni, ti accorgi di cose a cui non avevi fatto caso, che c’è un motivo se hai scelto un pezzo piuttosto che un altro. Che pensavi di raccontare una storia ma il tuo modello la racconta in modo diverso, più reale.
Platone diceva: “Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione”
E’ proprio vero. La cosa più bella è che ognuno è protagonista (essendo costruttore e generatore di significati ) sin dal primo momento di gioco e riesce a manifestare il proprio potenziale inespresso, sia analizzando il contesto, sia generando soluzioni efficaci.
Chi conduce il Workshop Lego Serious Play si chiama Facilitatore proprio perché non dà soluzioni precostituite ma “facilita” l’emergere delle soluzioni comunicate dal modello.
Il tutto all’interno di un Workshop dove ti arricchisci anche dell’esperienza condivisa degli altri, mentre la musica scandisce i tempi del gioco.
Quindi Creatività, Condivisione, Crescita Personale, Risoluzione Personalizzata dei problemi… Valori di base qui alla Strada di Oz!
Come potevo non proporti questo nuovo metodo che, tra l’altro, viene usato per risolvere problemi aziendali alla Nasa, Google, Ferrari ..?
Noi lo useremo per risolvere problemi personali che possono bloccarti o condizionarti, impedendoti di vivere al meglio.
Se hai voglia di provare questo nuovo metodo, scrivimi a info@lastradadioz.it oppure chiama il 3482287375, specificando il tema che vorresti trattare.
A settembre partiranno i primi Workshop con un max di 5 persone, perciò PRENOTATI, non perdere l’occasione di provare qualcosa di assolutamente straordinario!


L’autrice del post
Questo articolo è scritto da Loredana Mingotto, se vuoi leggere altri suoi articoli, ti consigliamo: 5 passi per diventare creativa
Loredana Mingotto - lastradadioz.it
Campionessa di rincorsa ai sogni, preferisco qualche ginocchio sbucciato ai rimpianti.
Nel mio cassetto ho tanti libri di coaching, un biglietto senza data per il giro del mondo
e la foto di mio padre che mi ha insegnato ad alzarmi presto ed amare quello che ho.
Sono Mamma, Moglie, Visual,
Facilitatrice LSP e Cercatrice instancabile di quel pezzetto di felicità
che voglio condividere con tutte le donne che verranno alla Strada di Oz,
il mio Laboratorio di benessere e crescita personale tramite Incontri e Workshop

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *